fbpx

ARREDAMENTO UFFICIO

Dimmi che ufficio hai e ti dirò chi sei.

ARREDAMENTO UFFICIO

Dimmi che ufficio hai e ti dirò chi sei.

ARMADI – LIBRERIE

Quando pensiamo al luogo di lavoro non possiamo fare a meno di notare come e quanto sia cambiato l’ufficio in generale.

Pensiamo alla semplice scrivania per esempio, dove lo spazio non bastava mai tra agenda, rubrica, calcolatrice, calendario, post-it, biglietti da visita, ecc… e oggi invece ci basta un semplice computer che con software e applicazioni ci offre quello e molto di più.

Oggi gli uffici hanno spazi più conviviali: l’avvento degli open space nel mondo lavorativo ha offerto un maggiore scambio di idee, incentivando trasparenza e sinergia tra reparti, dove la squadra vale più del singolo e l’ambiente fa la differenza sia a livello emotivo che economico.

ARMADI – LIBRERIE

Quando pensiamo al luogo di lavoro non possiamo fare a meno di notare come e quanto sia cambiato l’ufficio in generale.

Pensiamo alla semplice scrivania per esempio, dove lo spazio non bastava mai tra agenda, rubrica, calcolatrice, calendario, post-it, biglietti da visita, ecc… e oggi invece ci basta un semplice computer che con software e applicazioni ci offre quello e molto di più.

Oggi gli uffici hanno spazi più conviviali: l’avvento degli open space nel mondo lavorativo ha offerto un maggiore scambio di idee, incentivando trasparenza e sinergia tra reparti, dove la squadra vale più del singolo e l’ambiente fa la differenza sia a livello emotivo che economico.

TAVOLI – SCRIVANIE

Una volta analizzata l’architettura degli spazi andremo a scegliere la tipologia degli arredi da disporre, dagli operativi ai manageriali o direzionali a seconda delle esigenze e dei gusti.

Come si diceva prima, le esigenze del lavoratore mutano e assumono valori sempre più importanti che è intelligente tenere a mente progettando dove possibile delle aree in comune, che sia una mensa strutturata o un’area accoglienza dotata semplicemente di una panchina e una macchinetta del caffè.

TAVOLI – SCRIVANIE

Una volta analizzata l’architettura degli spazi andremo a scegliere la tipologia degli arredi da disporre, dagli operativi ai manageriali o direzionali a seconda delle esigenze e dei gusti.

Come si diceva nel paragrafo prima, le esigenze del lavoratore mutano e assumono valori sempre più importanti che è intelligente tenere a mente progettando dove possibile delle aree in comune, che sia una mensa strutturata o un’area accoglienza dotata semplicemente di una panchina e una macchinetta del caffè.

SEDUTE

L’ufficio, inteso come l’ambiente lavorativo di oggi, è diventato a tutti gli effetti il luogo in cui viviamo la nostra seconda vita; questo motivo è stato sufficiente per trasformare la concezione di arredamento che fino a poco tempo fa veniva vista in modo secondario alla nostra professione.
Che sia una seduta operativa o una seduta direzionale è importante tenere a mente le diverse variabili che entrano in gioco: la tipologia di lavoro, il tempo trascorso davanti a una postazione operativa o a una scrivania, i movimenti che compie il corpo, lo stile di ambiente per citarne alcune.

SEDUTE

L’ufficio, inteso come l’ambiente lavorativo di oggi, è diventato a tutti gli effetti il luogo in cui viviamo la nostra seconda vita; questo motivo è stato sufficiente per trasformare la concezione di arredamento che fino a poco tempo fa veniva vista in modo secondario alla nostra professione.
Che sia una seduta operativa o una seduta direzionale è importante tenere a mente le diverse variabili che entrano in gioco: la tipologia di lavoro, il tempo trascorso davanti a una postazione operativa o a una scrivania, i movimenti che compie il corpo, lo stile di ambiente per citarne alcune.